Grazie dai bambini di Taranto
La ri...nascita a Taranto ( foto Enzo Cei )
Neonati a Taranto, la vita che vince ( foto Enzo Cei )
Il cerchio magico appartiene a te ( foto Enzo Cei )
I neonati di Taranto sui delfini vanno incontro alla vita ( foto Enzo Cei )
La neonatologia di Taranto ( foto Enzo Cei )

LETTERA APERTA AL DIRETTORE ASL DR.ROSSI

Caro Direttore

Nel darle il benvenuto in questa città e questa provincia e augurarle buon lavoro, vogliamo richiamare la sua attenzione sui bambini  di Taranto, in particolare i neonati che vedono la luce in questo territorio.

Tutti i bambini hanno diritto di nascere in sicurezza, in strutture adeguate e assistiti da personale qualificato che sia che in grado di fronteggiare qualsiasi situazione possa complicare un evento così naturale, come ad esempio la prematurità, la presenza di patologie più o meno gravi, o eventuali complicanze (inaspettate) legate al  parto.

Assistere pertanto,  ad una progressiva riduzione del personale medico, ma anche   infermieristico assegnato alla reparto di Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale (che comprende anche il Nido) di Taranto è fonte di grande preoccupazione perché è evidente che non si possono garantire standard adeguati di assistenza se non si dispone di personale.

Ci consta che da oltre un anno la Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale stia vivendo un gravissimo disagio nell’assicurare l’assistenza necessaria proprio per la mancanza di medici.

La Neonatologia e TIN di Taranto deve garantire la gestione dei neonati critici ed estremamente prematuri  provenienti da tutti i punti nascita della provincia (ma anche da fuori provincia)   e assicurare contestualmente la presenza di un neonatologo H24 per l’assistenza a tutte le nascite.

Ma  anche la provincia risulta essere  sprovvista delle professionalità necessarie per assolvere al meglio la propria funzione; infatti, compete a questo livello la gestione dei neonati già a partire dalla 34° settimana di gestazione e dei neonati con patologie minori. Purtroppo  una percentuale significativa di questi neonati, gestibili in periferia,  viene trasferita a Taranto accentuando drammaticamente il disagio per il personale e i rischi per i neonati.

Tutto questo richiede, a nostro parere, scelte gestionali coraggiose da parte del management aziendale per garantire la necessaria sicurezza ai bambini e alle loro famiglie ovunque, al centro e in periferia.

Come associazione impegnata  ad offrire ai neonati di Taranto e alle loro famiglie le migliori opportunità contribuendo al miglioramento dell’assistenza, rivolgiamo  il nostro appello, alla  direzione aziendale appena insediata, perché si faccia carico dei gravi problemi denunciati.

Chiediamo  di  individuare e mettere in campo soluzioni che restituiscano al reparto di Neonatologia e TIN di Taranto le migliori condizioni operative  per assicurare ai nostri bambini e alle loro famiglie l’assistenza più qualificata e sicura di cui si possa disporre; oggi con un organico medico ridotto, di fatto, a sei unità i potenziali rischi per i nostri bambini sono davvero elevati!

Inoltre,  il dato incontrovertibile della estrema vulnerabilità sanitaria della popolazione pediatrica, documentata dal recente studio SENTIERI, richiederebbe, a nostro parere,  il potenziamento  dell’offerta sanitaria non solo in un’ottica preventiva ma anche curativa. Si può affermare, senza possibilità di smentita, che in questo territorio la salute materno-infantile è a rischio ed è questione di grande impatto sociale!

Per questo è necessario che ognuno, istituzioni, cittadini, associazioni, ognuno per la propria parte, debba contribuire ad invertire  un trend estremamente negativo per questa comunità, penalizzata da una  crisi sociale, ambientale ed economica di dimensioni allarmanti  che la colloca, per qualità di vita ed  occasioni di crescita, negli ultimi posti in graduatoria.  Come associazione intendiamo onorare gli impegni che abbiamo assunto costituendoci, a cominciare dalla  promozione di iniziative concrete per migliorare la cura e l'assistenza dei neonati ricoverati in  Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale e dalla collaborazione    per risolvere problemi di tipo organizzativo.

Vogliamo, pertanto, affiancare gli sforzi degli operatori  per rispondere alla loro mission professionale e siamo disponibili a confronti e collaborazioni, non solo per cercare le migliori soluzioni organizzative ma anche per impegnare le scarse risorse di cui disponiamo per dare respiro e speranza  ai neonati e alle loro famiglie, in primis, ma anche a coloro che di questi  dovranno farsi  carico.

facebook48Seguici

Per offrirti una migliore esperienza, questo sito utilizza cookie di profilazione.

Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.