La neonatologia di Taranto ( foto Enzo Cei )
La ri...nascita a Taranto ( foto Enzo Cei )
Neonati a Taranto, la vita che vince ( foto Enzo Cei )
Il cerchio magico appartiene a te ( foto Enzo Cei )
I neonati di Taranto sui delfini vanno incontro alla vita ( foto Enzo Cei )

Giornata Mondiale della Prematurità 2017

Manifesto GMP 2017

TARANTO  17 -18 novembre 2017

L’associazione “Delfini e Neonati – A. De Cataldo” Onlus, insieme alla S.C. Neonatologia e T.I.N. di Taranto,  in occasione della Giornata Mondiale della Prematurità, che si celebra in tutto il mondo il 17 novembre, intende richiamare l’attenzione delle Istituzioni cittadine e degli abitanti di Taranto e provincia sulla situazione veramente difficile dell’assistenza in ambito neonatale.

Per questa ragione sabato  18 novembre 2017, alle ore 9, presso l’Auditorium dell’Ospedale “SS. Annunziata” di Taranto, organizziamo un incontro di approfondimento dal tema: I bisogni primari dei bambini: assistenza e prospettive (come da programma allegato). Ne parleranno il dott. O. Forleo, direttore della Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale di Taranto, il dott. G. Guido, la dott.ssa M.P. Amato, Adele Vinci, la dott.ssa A. Tagliente, direttrice del distretto socio sanitario Unico di Taranto e un rappresentante del Comune di Taranto che ha patrocinato l’iniziativa. Inoltre  dal 13 al 19 novembre,  è prevista l’illuminazione di viola della Fontana Rosa dei Venti di Piazza Ebalia, proprio per attirare l’attenzione dell’opinione pubblica, affinché vengano messe in atto le misure più idonee perché ogni bambino che nasce  possa avere la miglior possibilità di vivere una vita felice e sana.

 Il momento di incontro si sofferma sulla realtà locale in riferimento all’evento nascita, evidenziando gli aspetti che permettono di garantirne la  sicurezza necessaria e l’assistenza adeguata. Ogni bambino ha diritto di nascere in sicurezza e, ovunque questo avvenga, ha il diritto di essere assistito adeguatamente soprattutto se questo evento si presenta critico, come accade per i bambini prematuri. Ha diritto, una volta dimesso, di  ricevere interventi tempestivi e adeguati in rapporto alle sue condizioni, contando di trovare nel territorio  servizi socio sanitari e professionalità adeguate.

Risulta quanto mai necessario che le famiglie conoscano le problematiche connesse all’assistenza al bambino prematuro e/o al neonato critico sottolineando come la presenza costante dei genitori, all’interno della Terapia Intensiva Neonatale, svolga un ruolo fondamentale per il benessere e la salute del bambino e per promuovere le competenze genitoriali. Un altro aspetto  da sottolineare è la necessità di disporre di un servizio di follow up. La prosecuzione delle cure dopo la dimissione, l’individuazione precoce di disturbi neurologici e di deficit sensoriali, ma anche di anomalie transitorie sono fondamentali per un neonato pretermine, perché consentono di mettere in atto gli interventi tempestivii necessari. Sottovalutare questi aspetti può avere esiti drammatici per i bambini e le loro famiglie. Non ultimo, intendiamo raccontare l’angoscia e la solitudine delle famiglie dopo la dimissione soprattutto in presenza di disfunzioni di diversa natura connesse alla prematurità. 

Qui entra in campo il ruolo dei servizi territoriali, sanitari e sociali, che in azione sinergica e integrata, come prevede la nostra normativa, dovrebbero garantire, sul territorio,  le prestazioni necessarie.  Evidenziarne carenze e criticità, ma anche punti di forza,  consente  di porsi in un’ottica di miglioramento affinché i bambini e le loro famiglie possano trovare le risposte adeguate ai loro bisogni.  

Certi dell’attenzione

Cordiali Saluti

Dora Tagliente

 Presidente dell’Ass. Delfini e Neonati

 

 

facebook48Seguici

Per offrirti una migliore esperienza, questo sito utilizza cookie di profilazione.

Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.